Padova

gita del seminario

Con la festa di San Giovenale torna puntuale anche la gita del seminario, quest’anno la nostra meta è stata Padova, la città del Santo. Nel pomeriggio di sabato 30 aprile, accompagnati da nuvole promettenti pioggia siamo partiti da Fossano per arrivare nella serata a Villa Immacolata, un’accogliente casa diocesana nella collina padovana.

La Domenica ci ha visti pellegrini sulla tomba di Sant’Antonio e Santa Giustina, ammirando le bellezze artistiche delle rispettive basiliche e scoprendo i tesori secolari di fede e devozione. La giornata è continuata con la visita del duomo e dell’annesso museo diocesano, già palazzo dei Vescovi, con le sue solenni sale di rappresentanza e raccolte di opere artistiche provenienti dal territorio diocesano. Vero gioiello e scrigno teologico è il battistero adiacente la cattedrale, la cui intera area interna è decorata con affreschi del XII secolo, con diversi cicli pittorici raffiguranti la storia della Salvezza, culminante nel Cristo rappresentato precisamente sopra il fonte battesimale. Nella seconda parte del pomeriggio l’Abbazia di Praglia è stata la nostra meta: la visita artistica, la preghiera comune e la condivisione del pasto ha scandito il nostro incontro con la comunità benedettina facendoci respirare un’aria di alta spiritualità e di fraterna comunione.

Nuovamente sotto la pioggia, lunedì mattina ci siamo recati al Santuario di San Leopoldo Mandic, esimia figura di confessore e uomo di Dio, a cui ci siamo affidati in quest’anno giubilare della Misericordia. La meraviglia della Cappella degli Scrovegni ha concluso nei migliori dei modi il nostro soggiorno padovano, riempiendo di bellezza e di stupore i nostri occhi.

Potrebbe interessarti anche...