Ma … sei proprio sicuro, Mattia?

Ritagli di vocazione

Ma … sei proprio sicuro, Mattia?

Ma … sei proprio sicuro?
È la domanda che ritorna per le scelte che vanno un po’ più in là del limitato orizzonte dei nostri calcoli e fan spiegare le vele verso il mare aperto. Provo a condividere, a dare ragione di una di queste mie scelte, tanto più che siamo ancora vicini a quel periodo in cui, prima di fare il passo verso il nuovo anno, tra un bicchiere e una fetta di panettone, ci voltiamo indietro a guardare l’anno vecchio.
L’anno vecchio è stato per me particolare. La fine dell’esperienza universitaria in quel di Pisa è sicuramente fondamentale: sei anni fa lasciavo il Liceo Classico e cominciavo a studiare archeologia abitando in un collegio della città toscana. La ricchezza di questi anni, credo, non la dimenticherò: sicuramente la formazione culturale, il contesto molto vivace e pieno di stimoli, le numerose relazioni anche con persone provenienti dall’estero e con studenti di diverse facoltà. Ma quello che più mi ha formato, come persona, come Mattia quale ora sono, sono le occasioni di relazioni profonde e di servizio: il cammino con una ragazza e il mettersi in gioco nel collegio dove risiedevo; l’aprire gli occhi sulla ricchezza dell’altro, l’ascoltare l’altro, accoglierlo, camminarci insieme. Tutto fatto nella semplicità della quotidianità di uno studente universitario fuori sede. E intravedo anche la preghiera e i dialoghi con e sulla Parola di Dio, a volte solitari a volte in compagnia di pochi amici nella cappellina del collegio. Lo scoprire pian piano che quella Parola era detta e rivolta a me, alla mia esistenza quotidiana. Complici gli stimoli di un paio di amici del Seminario di Pisa e della ragazza con cui camminavo, ho cominciato a prendere in considerazione un “Eccomi!” leggermente diverso da quello che ritenevo potesse essere fino a quel momento: il corso di laurea da concludere, ha dato il tempo necessario perché le cose si chiarissero un po’ di più.
Il momento della decisione è arrivato con l’estate, dubbi a palate, pensieri che si aggrovigliano, paure, dolore. Ma anche quel “Vieni dietro a me!” amico, sicuro, continuo, che non gradisce sacrifici ma assicura vita piena, bella. Così, il 19 settembre ho iniziato a Fossano a muovere i primi passi negli studi teologici, nella formazione, nel servizio pastorale, nella vita comunitaria. Avendo intuito che la “vocazione” non è un posto già pronto e preconfezionato a cui conformarsi e al più verso cui dirigere la prua veloce della propria barca, ma è un uscire dalla tenda al suono della voce amica che indica le stelle e poi mettersi in viaggio, questo sì, dietro a quel Gesù di Nazareth nella quotidianità del mio essere Mattia che mi è data. E questo, la compagnia di Gesù, regala sicurezza.

13 gennaio 2013
Mattia Dutto

Potrebbe interessarti anche...

Si diventa felici... mettendosi un pò nei guai

25 gennaio 2019

Si diventa felici... mettendosi un pò nei guai

Alcune domande ad Alberto

24 gennaio 2019

"A tu per tu" con Cristiano

Intervista a Cristiano Bellino

Intervista a don Mattia Dutto

15 novembre 2018

Intervista a don Mattia Dutto

Per l'Ordinazione Presbiterale